Mrazova Cagliero Sarka
aggiornatemi sui nuovi quadri : Sarka Mrazova Cagliero udostępnij >

Informazioni sull'artista:

Biografia:


 Sarka Mrazova Cagliero, figlia d’arte, nasce a Ostrov nad Ohri il 21 novembre 1962 (Rep. Ceca), ma subito la sua famiglia si trasferisce nella vicina città termale Karlovy Vary, dove frequenta anche la sua prima scuola artistica. Sua madre, Jindra Husarikova, un’illustre artista ceca e il padre, storico dell’arte attivo nelle gallerie statali, la portano sin dalla prima infanzia ai vernissages di eccellenti artisti, che insieme alla vivace vita familiare artistica contribuiscono a plasmare la sua sensibilità creativa.
Consegue la maturità classica con formazione artistica al liceo di Praga, dopodiché si trasferisce in Italia. Si è distaccata apparentemente dalle proprie radici, ma le opere della madre, intimamente conosciute, l’hanno accompagnata nella sua nuova dimora. Sicchè la sua naturale ed ereditata predisposizione non si è lasciata attendere e in un nuovo ambiente nascono, come frutto del piacere e naturale necessità, dopo e contemporaneamente ai  diversi viaggi di studio,  i suoi primi lavori – disegni, dipinti e collages – che in poco tempo maturano raggiungendo una posizione seria, professionale. In poco tempo raggiunge autonoma maturazione dell’espressività artistica, che dipende anche dalla sua situazione privata, equivalente alla creazione di una famiglia propria con conseguente maternità.  Dal 1995 allestisce mostre personali e partecipa a numerose mostre collettive in diverse città europee (Praga, Roma, Bratislava, Strasburgo, Bruxelles, Baden-Baden) e altrove, come per esempio in Egitto a Luxor, in una mostra promossa dalla Regione Piemonte, oppure a Puerto Rubicon o Lanzarote, dove è anche presente in una mostra permanente a Casa de l’Arte. La prima mostra che vede affiancate madre e figlia è a Torino, nel 2008, promossa dalla Provincia di Torino nei prestigiosi spazi di Palazzo Cisterna. Il binomio madre-figlia va ancora in mostra alla galleria Husarikova di Karlovy Vary e infine, nel 2009, al  Municipio Nuovo di Brno, (insieme con la ceramista Knavova) . Nel 2009 allestisce anche una personale a Villa Gualino, in occasione della quale scrive Guido Folco, critico dell’arte e fondatore – direttore della prestigiosa rivista Italia Arte….,,L’inesauribile accostarsi delle pennellate, ora a tocchi veloci, ora a cerchio e spirale, unisce segno e visione ottica in geometrie ludiche e simboliche, dalla montagna ai campanili svettanti verso il cielo, dagli archi sacrali agli alberi che portano il frutto del Bene  e del Male, dalla purezza delle acque e delle fonti agli intricati percorsi labirintici di giardini segreti e  introspettivi. La pittura di Sarka Mrazova è trasversale e popolare, eppure colta e difficile, raggiunge l’anima di tutti e sa parlare alla mente, creando dei percorsi sulla tela quasi di purificazione, che dal basso delle composizioni si addentrano nell’uomo, cogliendone lo spirito e l’intensità vitale.’’
‘’Nella superficie delle opere, Sarka inserisce i simboli tradizionali, ponendoli in nuove relazioni, rifondendo il loro significato in originali posizioni e, in un certo qual modo, traduce le cose apparentemente semplici su un piano elegiaco, rendendo straordinarie le sue sensazioni, impressioni, esperienze e conoscenze in modo cosi convincente, tanto che ogni tela celebra una poesia raffigurata a sè stante, senza perdere la sua carica comunicativa.’’(J.Mraz)