Informacje o artyście:

Biografia:

Marino Lecchi è nato il 21/01/1944 abita a Capriate S. Gervasio dove ha lo studio in Via S. Siro 22 Bergamo.
Tracce di un percorso artistico Lecchi Marino si è proposto già dal 1977 in diverse personali e collettive soprattutto in Lombardia fra queste Egli ricorda come la più significativa quella tenuta a Milano in via Turati alla "SCHETTINI", che all'epoca era galleria importante dove gli artisti venivano attentamente selezionati da una commissione giudicante l'idoneità ad esporre.
Il pittore d'arte contemporanea Marino lecchi Fu questa l'occasione in cui Marino Lecchi conobbe Sergio D'Angelo, poeta scrittore, pregevole artista, di risonanza nazionale e conosciuto in tutto il mondo, peraltro attivo con partecipazioni anche alla biennale di Venezia. Quest'ultimo si muoveva nell'ambito delle ricerche del gruppo degli "Spazialisti" essendone un protagonista e Marino ne rimase colpito.
D'Angelo presentò Lecchi con una sua critica favorevole rafforzandone l'intento artistico. Lecchi si sentì per la prima volta riconosciuto, da persona veramente competente, il suo valore espressivo e talento.
Seguirono negli anni successivi una serie di esposizioni meno rilevanti, anche causate dalla necessità di svolgere un'altra professione.
Non di rado si distaccò dalla pittura attiva per concedersi, si potrebbe dire dei "ritiri spirituali" nell'intento per l'appunto più meditato che fattivo operativo di coniare una nuova e peculiare modalità espressiva.
Alla fine del 1998 Marino si congeda dalla sua professione non artistica e raggiunto un suo stile solidamente espresso, abbraccia interamente la causa della pittura intuendo di avere la possibilità di esprimere una direzione precisa alla sua ricerca sempre più introspettiva ed onirica.
Nel 2008 l'importante mostra alla "Mazzoleni Art Gallery" e l'incontro col critico e pittore Franco Bulfarini con cui si sviluppa un rapporto di immediata affinità artistica, oltre che di stima reciproca, gli fornisce ulteriori motivazioni e spunti di riflessione che bene emergono nelle ultime opere.
I momenti salienti dell'arte di Lecchi si possono rubricare come segue:

1978 Personale salone esposizioni in Salice Terme.
1982 Galleria Schettini Milano.
1984-85-86 Personali e collettive alla "Petrofil Arte" Viale Tunisia ~ Milano.
1987 Galleria "Pedalini" a Treviglio ~ Bergamo (ora chiusa).
2001-2006 Partecipa a più collettive U.C.A.I. .
2001-2007 Approda all'ultima espressione.
2008 Espone con successo le sue opere alla Galleria d'arte contemporanea Mazzoleni Art Gallery di Alzano Lombardo BG.
2008 Collettiva 10 artisti "OLTRE I CONFINI" "galleria Lovetti Arte" ~ Ferrara.
2008 Conosce il critico ed artista Franco Bulfarini e si iscrive all'ass. "la Bottega degli Artisti" di Ravarino (MO).
2001 Partecipa all'evento Artistico "il Piacere dell'Arte 2008" di Ravarino (MO) con alcune opere dell'ultimo periodo 2008. Si presenta all'Evento Artistico "STUFFIONATEARTE" ed. 2008 che si tiene a Stuffione di Ravarino (MO), presentando una personale con lavori recenti.
2008 Salone del mobile fiera a Bergamo
2002 Pittori nisseni a "Nasso Antica"
2008 Mostra alla filiale di Finale Emilia della Banca centro Emilia
2009 Fiera arte a Bergamo presentato dalla Mazzoleni Art Gallery
2009 Trasmissione televisiva su Antenna tre, Tele Lombardia e Canale 6
Esposizione  galleria  fort Village  Sardegna con Art Event da 15 giugno a 31 agosto
2009   Confronti d'arte  rassegna arte contemporanea palazzo del Senato Milano 2set.-10 ott.
2009- 2010   Arte in Fiera Reggio Emilia 27-30 novembre
2009  Parigi  -7Artisti in “Les Lumières de L'art”  (ESPACE  KAME'LE'ON )21 dic-9 gennaio 2010
2010   Arte Fiera Bergamo 12-15 gennaio
Diversi portali web parlano delle sue mostre e della sua arte e lo vedono inserito con opere e commenti critici, fra cui:
Pittura e Dintorni
Galassia Arte
Art Gallery Caffè
Artnew
La Bottega degli Artisti
Pittorica
Pittart
K-L-M-N
Arteonweb.it
Impulsesart galleria arte online
Artemotore
Artantis
g-otto.ning.com
Artmayeur
Federartisti nord ovest
Worldartist.ning.com
Dododada arte postale
e tanti altri......400 ning o network...

Le ragioni di una ricerca
Premesso che, diversamente da quello che d'acchito tutti definiscono la mia pittura "astrazione informale" essa è, e vuole essere, "ALTRO".
La mia ricerca creativa parte dalla consapevolezza di una condizione umana, che la meccanica quantistica, afferma essere tutt'altro che reale, per come noi intendiamo genericamente il reale, per andare oltre la stessa M.Q.
Perché a questo punto la M.Q. diventa anch'essa una frazione, infinitesimale, di una "realtà ultima" che io ho definito "L'INFINITO REALE".
Perché "infinito reale?"
Perché tutti gli altri infiniti che la storia umana, fino ad ora, ha tentato di delineare non rappresentano la "REALTA' ULTIMA".
"L'infinito reale" che ho delineato nei miei appunti, è la più estrema frontiera del "conoscitivo" al quale si è pervenuti, con rigore e  altissima plausibilità, non dimentichi dell'impossibilità di una certezza.
Le mie opere sono e cercano di essere l'espressione estetica di questa ricerca e di questo approdo "all'infinito reale".
E in esse vi è la risposta da carpire, andando oltre la banale verosimiglianza con l’informale astratto.
Ricerca quindi di un "codice" estetico espressivo, che sintetizzi una "REALTA' ULTIMA" ma anche "realtà umana nuova".
Perché una "NUOVA VISIONE" che vuole estetizzarsi, necessita di un alto sforzo di  ricerca e di trasposizione di concetti.
Da  un "INFINITO REALE", teorizzato, ad un contesto pittorico, fatto di supporti, forme e colori, che cerca di decodificarne il senso intimo.
Cioè come e cosa è "L'INFINITO REALE".
Lecchi Marino
Marino Lecchi: geometria, cosmo, armonia e dinamica
MARINO Lecchi studia il cosmo dal proprio punto di vista globale, da un interesse pittorico per i colori caldi, ricercando  l'impronta  della  plasticità  nella complessità,cercando di superare il visibile.Strutture geometriche, piani, prospettive aeree dominano tutta la composizione insieme a segmenti, colori sfumati e sovrapposti per ottenere un effetto di tridimensionalità, di profondità, aumentando e potenziando la visione pragmatica della miriade di realtà
esistenti. Le sue opere si caratterizzano per la varietà di angolazioni ed inquadrature che conferiscono allo spettatore una sensazione di plasticità.  Studia i punti di luce,sperimenta posizioni diverse con angolazioni diverse, per illuminare e far conoscere gli aspetti della sua opera che più gli stanno a cuore, magnificandone l'effetto enigmatico,
ricercando la parzialità della visione nella precisione della messa a fuoco, elemento fondamentale per definire i segmenti della composizione inquadrata.Le voci dei popoli indigeni centroamericani e delle avanguardie storiche europee riecheggiano nelle sue opere  con un timbro più moderno, partendo dal filo energetico che attraversa la storia per addentrarsi nel futuro, senza rinunciare alla bellezza della classicità, concedendosi lo studio della fenomenologia dei criteri matematici. Le sue opere danno all'apparenza un aspetto più enigmatico ed esaltano la perfezione dell'armonia e della bellezza presenti tanto nel  macro quanto nel  micro  universo,
ricordandoci che la bellezza è immortale: fa parte della scienza e dell'arte, è arte e scienza allo stesso tempo.

Joan Liuìs Montané
AICA (associazione Internazionale Critici d'Arte)